XXXIII STAGIONE DI MUSICA SINFONICA E DA CAMERA DI MESTRE

Venerdì 19 ottobre 2018
ore: 20,30

Mestre
Teatro Toniolo




“IN MEMORIA DI ENRICO”



Programma:

JOHANN SEBASTIAN BACH (1685 - 1750)
Concerto Brandeburghese n.6 in si bemolle maggiore (trascrizione per 12 violoncelli)
Solisti: Mario Brunello, Walter Vestidello.
Spartito Wilhelm Rust (1822–1892)
Vai agli Spartiti

ANTON BRUCKNER (1824 - 1896)
Christus factus est
Spartito Daniel Van Gilst
Vai agli Spartiti

Ave Maria
Spartito First edition
Vai agli Spartiti

MAURICE RAVEL (1875 - 1937)
Bolero (trascrizione per 12 violoncelli di J. Barralet)
Spartito Paris: Durand & Cie., 1932

ANTONIO VIVALDI (1678 - 1741)
Concerto in sol minore per due violoncelli, archi e basso continuo, RV 531
Solisti: Luigi Puxeddu, Giannantonio Viero
Spartito Mandozzi
Vai agli Spartiti

GIOVANNI SOLLIMA
Note sconte


Note di Sala:

12 violoncellisti che suonano insieme, un semicerchio legato da 12 archi, 48 corde e 24 mani per un viaggio musicale curioso ed entusiasmante da Johann Sebastian Bach a Giovanni Sollima.

Concerto dedicato a Enrico Egano, cofondatore con Mario Brunello dell’Orchestra Villa Lobos, a 10 anni dalla prematura morte.

Un meraviglioso programma, di sicuro interesse e molto variegato, selezionato allo scopo di far sentire la duttilità ed i colori multiformi di un unico insieme di violoncelli. Si comincia con Johann Sebastian Bach ed il Concerto Brandeburghese n. 6 (1718), nel quale i violoncelli, tra i quali due celli piccoli, prendono il posto delle viole e delle viole da gamba. Seguono due mottetti di Anton Bruckner, Christus factus est (1884) ed Ave Maria (1861), composti come brani vocali per coro, nei quali il suono dei violoncelli rende perfettamente la tessitura delle voci dal soprano al basso. Il celebre Bolero (1928) di Maurice Ravel, nella trascrizione per dodici violoncelli di James Barralet, rappresenta un’occasione di gioco e divertimento per esecutori e pubblico. In conclusione Note Sconte (2016), dell’istrionico violoncellista contemporaneo Giovanni Sollima, scritto appositamente per il concerto inaugurale di due anni fa, in memoria di Franco Rossi. Si tratta di una composizione dal carattere coinvolgente il cui punto di partenza è costituito da alcuni frammenti poco conosciuti di Ludwig van Beethoven. Inoltre, come spiega Sollima stesso «c’è un brano invece assai famoso, il Presto del quartetto op. 131 (131 è palindromo!), qua riscritto a specchio, in “reverse” per poi rigirarsi e ingarbugliarsi ancora di più».

Il concerto inaugurale della Stagione è caratterizzato da un duplice significato di particolare pregnanza: è dedicato ad Enrico Egano, fondatore dell’Orchestra, prematuramente scomparso dieci anni fa a seguito di una lunga malattia, e vede il ritorno al Teatro Toniolo di un ensemble che ha accompagnato alcuni momenti importanti nella storia degli Amici della Musica di Mestre.

“In memoria di Enrico” è il titolo del progetto con il quale l’Orchestra “Villa-Lobos” con la partecipazione straordinaria di Mario Brunello, aprirà quest’anno le celebrazioni per onorare il suo amatissimo fondatore. L’Orchestra di dodici violoncelli nasce nel 1985 per opera sua, dal desiderio e dalla passione di quel far musica insieme alimentato dal sentirsi parte di un gruppo dall’organico singolare; ha unito alcuni dei più validi violoncellisti veneti alcuni a quel tempo ancora studenti. Apporto significativo è stato dato da Mario Brunello, uno dei massimi violoncellisti in carriera, che ha guidato il gruppo sin dall’inizio e che tuttora, quasi sempre, partecipa all’attività dell’ensemble. Diversi gli allievi di Enrico Egano (a conferma della sua grande virtù nell’insegnare) fin dal primo momento, con i colleghi dell’epoca e gli amici.

Il concerto al Teatro Toniolo, oltre ad inaugurare la Stagione, apre un ciclo di quattro concerti in onore di Enrico Egano (dopo Mestre anche a Verona, Padova e Castelfranco Veneto) organizzato in collaborazione con l’Associazione a lui dedicata. Parte del ricavato sarà devoluto in beneficienza.

L’Orchestra di violoncelli si è inoltre intrecciata alla storia dell’Associazione degli Amici della Musica di Mestre in alcune tappe significative: fece parte del cartellone della prima stagione, nel 1986/1987, con un concerto nel primo centenario della nascita del compositore brasiliano dal quale prese il nome, Heitor Villa-Lobos. Fu inoltre invitata nel 1997 e fece parte dei festeggiamenti che caratterizzarono i dieci anni di attività degli Amici della Musica di Mestre.










ORCHESTRA VILLA LOBOS: Enrico Egano aveva dato il via all’avventura dell’Orchestra Villa-Lobos. 12 violoncellisti che suonano insieme, un semicerchio legato da 12 archi, 48 corde e 24 mani. Il suono e la musica che ne viene fuori non può lasciare indifferenti, specialmente se si va ad attingere nella musica sudameric ... vai alla scheda.

MARIO BRUNELLO: Nasce a Castelfranco Veneto (Treviso). Ha studiato al Conservatorio di Venezia con Adriano Vendramelli e Antonio Janigro. Nel 1986 ha vinto il primo premio al Concorso internazionale Čajkovskij di Mosca nella categoria dedicata al violoncello. Si è esibito nelle maggiori sale da concerto del ... vai alla scheda.